Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti, visita la pagina dedicata. Informativa ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003 n.196.

La ricerca sull'immagine come punto di connessione tra filosofia, arte, psicoanalisi e psicodramma analitico.

Il seminario si articola in un ciclo di incontri, a cadenza mensile, condotti dalla dott.ssa Carmen Tagliaferri con la partecipazioni di ospiti che aprono a una plurilaità di esperienze e conoscenze.

Ingresso libero per info Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(di Carmen Tagliaferri)

Ho scelto questo tema per la riapertura del seminario per una pluralità di ragioni e per le possibili piste di ricerca che ogni partecipante potrà singolarmente o collettivamente percorrere e ricondurre al seminario come luogo di incontro e condivisione di un oggetto che ci appassiona e, tra noi, fa legame: lo psicodramma e suoi fondamenti psicoanalitici.

Pensiamo lo psicodramma non solo come specifico dispositivo terapeutico ma come specifica declinazione di un pensiero psicoanalitico in campo gruppale e come modo di pensare la cura in ambito individuale e gruppale 

Consideriamo la parola messa in gioco e la sua rappresentazione il perno dello psicodramma e consideriamo il gioco come passaggio dal godimento ad un'enunciazione di desiderio.

Il Fort-Da - gioco del rocchetto del bambino freudiano e paradigma del gioco nello psicodramma analitico - esemplifica uno snodo nel pensiero di Freud: il gioco  presenza /assenza, il tema della ripetizione rappresentano l'oltre del principio di piacere.

Per Lacan la rilettura del Fort / Da rappresenta un momento di messa a fuoco della questione dell'oggetto in psicoanalisi, della rappresentazione dell'altro simile e dell'Altro simbolico, in particolare è la messa a fuoco dell'oggetto piccolo a, ciò che causa il desiderio

Ancora più in particolare possiamo cogliere la "costruzione" di due oggetti centrali nella clinica: l'oggetto sguardo e l'oggetto voce

In un seminario successivo incontreremo il concetto di "objeu" contrazione dei termini objet e jeu, oggetto e gioco. L'espressione objeu - creata dal poeta Francis Ponge per esplorare la perpetua nascita della parola - è stata ampiamente ripresa e lavorata in psicoanalisi da Pierre Fédida e proposta da Rene Roussillon nello psicodramma analitico

Incontreremo infine il gioco del corpo attraverso frammenti tratti dal corpus di installazioni video "Contrapposto Studies" di Bruce Nauman, mostra in corso a Punta della Dogana a Venezia. L'artista ha fatto del corpo e del suono - con le sue posture / imposture- materia di lavoro, di ricerca, di montaggio/ smontaggio, lavorio approdato ad un inedito, creativo punto di vista che interroga anche la psicoanalisi e noi psicodrammatisti.

Ampliando un po' il campo non possiamo accantonare il tema dello sviluppo mediale che rende il sistema audiovisivo sempre più un contesto di vita e una forma di pensiero. Per la sua complessità e pervasivita è divenuto parte integrante del nostro modo di esperire,conoscere...uno degli strumenti attraverso cui costruiamo e trasformiamo noi stessi e l'altro. 

Attraverso lo psicodramma, si prende contatto con ciò che passa per canali diversi dallo scambio puramente verbale: l’affetto, il vissuto somatico, le percezioni e la sensorialità,  tutte quelle memorie del corpo che il gesto traduce e che vengono a sopperire alle crepe della rappresentazione. 

Come gioca nella nostra clinica, nello psicodramma in particolare, questa inevitabile trasformazione del mondo percettivo e sensoriale?

Come si articolano oggi Reale, Immaginario e Simbolico?

Come si costruisce la rappresentazione dell'altro?

Interrogativi che sono altrettanti punti di ricerca e di scambio.

Date dei seminari 2021,venerdì h 19.30-21-30

10 settembre

8 ottobre

12 novembre

17 dicembre

Date 2022, venerdi h 19.30-21.30

21 gennaio

11 febbraio

11 marzo

8 aprile

6 maggio

3 giugno

1 luglio

9 settembre

7 ottobre

11 novembre

Gli incontri del 2021 avverranno in modalità on line sulla piattaforma zoom  dalle 19.30 alle 21.30 secondo il seguente calendario

Prenotazione obbligatoria inviando un'email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

15 gennaio
12 febbraio
12 marzo
16 aprile
14 maggio
18 giugno
2 luglio
17 settembre
8 ottobre
12 novembre
17 dicembre

Venerdi 12 marzo 2021 dalle ore 19.30 alle 21.30 il Centro didattico Apeiron-SIPsA presenta: "Immagine e Rappresentazione" -seminario on line su zoom.

La dott.ssa Stefania Tedaldi - psicoterapeuta, psicodrammatista Didatta SIPsA - ci parlerà di: "Immagine come funzione. Rappresentazione come espressione della funzione."

Introduce la dott.ssa Carmen Tagliaferri -psicoanalista, psicodrammatista, Direttore della Scuola di specializzazione della Coirag sede di Roma.

scarica il pdf dell'intervento

serra2.jpg

Venerdi 18 dicembre 2020 dalle ore 19.30 alle 21.30 il Centro didattico Apeiron-SIPsA presenta: "Immagine e Rappresentazione" -seminario on line su zoom.
La dott.ssa Daniela Lo Tenero -psicoterapeuta, psicodrammatista, docente della Scuola di specializzazione della Coirag sede di Roma- ci parlerà di: "Quando non c'è più niente da levare. Immagine, Scrittura e Osservazione nello Psicodramma analitico freudiano."
Introduce la dott.ssa Carmen Tagliaferri -psicoanalista, psicodrammatista, Direttore della Scuola di specializzazione della Coirag sede di Roma.
 
osso.jpg